Early Bitcoin dev manca su $1.3B dopo aver venduto troppo presto

Written by on 21. Dezember 2020 in Bitcoin

Early Bitcoin dev manca 1,3 miliardi di dollari dopo aver venduto troppo presto

„Sarei miliardario ora se non avessi venduto troppo presto i 55.000 bitcoin che ho estratto sul mio portatile nel 2009-2010“.

Martti Malmi, uno dei primi sviluppatori Bitcoin e noto anche come Sirius, ha spiegato cosa è successo alle sue un tempo massicce proprietà crittografiche dal 2009.

Secondo un thread del venerdì su Twitter dell’ex sviluppatore Bitcoin (BTC), Malmi ha estratto circa 55.000 monete tra il 2009 e il 2010, quando il prezzo era quasi zero. Malmi Bitcoin Up ha detto che ha finito per liquidare 5.050 BTC per 5 dollari nell’ottobre 2009, e ha perso 30.000 BTC attraverso uno dei primi scambi Bitcoin che ha gestito quando „non c’era un tasso di cambio stabilito“.

„Avevo intenzione di liquidare il resto della mia BTC, ma ho dovuto vendere la maggior parte di essa a un tasso negativo (~$5) nel 2012, quando trovare un nuovo lavoro ha richiesto più tempo del previsto“, ha detto Malmi. Da allora ho mantenuto i miei variegati risparmi in BTC“. Non è molto, ma comunque un bel guadagno nel corso degli anni“.

Ora sarei un *miliardario* se non avessi venduto troppo presto (soprattutto prima del 2012) i 55.000 bitcoin che ho estratto sul mio portatile nel 2009-2010. Questo è deplorevole, ma d’altra parte, con i primi bitcoiners abbiamo messo in moto qualcosa di più grande del guadagno personale.

Tuttavia, l’investimento probabilmente più consistente dell’imprenditore immobiliare Bitcoin dai suoi primi guadagni criptati è stato quando ha venduto 10.000 BTC nel 2011 per acquistare un appartamento a Helsinki. „Probabilmente ora è il monolocale più costoso del mondo“, ha detto su Twitter.

Con il recente rally di Bitcoin a 24.000 dollari, le 55.000 BTC originali di Malmi varrebbero ora più di 1,3 miliardi di dollari

Nonostante questo, il precedente sviluppatore dice di „non aver mai avuto seri rimpianti“.

„Non è stata così dura come potrebbe sembrare all’inizio“, ha detto Malmi. „Non è come se avessi mai avuto 1 miliardo di dollari e li avessi persi da un giorno all’altro“. A parte il successo di Bitcoin, ero piuttosto felice di avere un appartamento tutto mio a 22 anni“.

Ha aggiunto:

„Forse a causa della cultura finlandese, della mentalità idealista e della mancanza di esperienza di vita, non ho mai pensato molto di fare soldi. È successo accidentalmente come un sottoprodotto di Satoshi che mi chiedeva di mantenere il mio nodo funzionante in modo che gli altri potessero connettersi“.

Malmi non è l’unica grande figura criptica che ha liquidato le proprie partecipazioni apparentemente per necessità. In ottobre, il CTO di Ripple David Schwartz ha rivelato che ha venduto 40.000 Etere (ETH) a 1 dollaro ciascuno come parte di un piano di gestione del rischio che ha fatto con il suo coniuge nel 2012. I gettoni ora varrebbero più di 26 milioni di dollari dopo che il prezzo ha superato i 600 dollari la scorsa settimana.

«